Un pianeta che è sopravvissuto alla sua stella

Situata a 117 anni luce dalla Terra, la stella WD1054-226 è una nana bianca – il residuo di una stella delle dimensioni del nostro Sole che ha raggiunto la fine della sua vita. È grande quanto la Terra, ma pesante quanto il Sole. Ed è caldo: da 20.000 a 30.000 Kelvin sulla superficie, 20 milioni di Kelvin all’interno. I processi di fusione non hanno più luogo, ma ci vogliono circa 10 miliardi di anni perché si raffreddi completamente – il nostro sole esiste solo da cinque miliardi di anni. Durante questo periodo, una zona abitabile può formarsi naturalmente intorno al cadavere della stella, che beneficia del calore residuo. Ma ci sono ancora pianeti che orbitano nella zona? Dopotutto, la stella ha inghiottito alcuni dei suoi pianeti durante la sua morte come gigante rossa. Anche la Terra un giorno perirà nel calore del sole.

Nel caso di WD1054-226, gli astronomi hanno buone notizie. Si sono imbattuti in un pianeta nella sua zona abitabile – anche se indirettamente. In uno studio pubblicato nel Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, un team internazionale di ricercatori ha misurato la luce della nana bianca. I ricercatori hanno trovato dei cali distintivi nella luce che corrispondono a 65 nuvole uniformemente distanziate di detriti planetari che orbitano intorno alla stella ogni 25 ore. La loro conclusione: la precisa regolarità delle strutture orbitanti – che oscurano la luce della stella ogni 23 minuti – deve essere tenuta in una disposizione così precisa da un pianeta vicino.

L’autore principale Jay Farihi dice: “Le strutture di dimensioni lunari che abbiamo osservato sono irregolari e polverose (ad esempio come comete) piuttosto che corpi solidi e sferici. La loro assoluta regolarità è un mistero che attualmente non possiamo spiegare. Una possibilità eccitante è che questi corpi siano tenuti in un modello orbitale così regolare a causa dell’influenza gravitazionale di un pianeta vicino. Senza questa influenza, le strutture si disintegrerebbero a causa dell’attrito e delle collisioni. Un precedente per questo “herding” è il modo in cui l’attrazione gravitazionale delle lune intorno a Nettuno e Saturno aiuta a creare strutture ad anello stabili che orbitano intorno a questi pianeti”.

Tuttavia, gli astronomi non sono completamente sicuri. “Non possiamo osservare il pianeta direttamente”, dice Farihi, “quindi la conferma dovrebbe venire dal confronto dei modelli al computer con altre osservazioni della stella e dei detriti che la orbitano”.

Questa orbita intorno alla nana bianca si pensa sia stata spazzata via durante la sua fase di vita come stella gigante, quindi qualsiasi pianeta che potrebbe potenzialmente ospitare acqua, e quindi la vita, dovrebbe essersi formato interamente da zero. L’area sarebbe abitabile per almeno due miliardi di anni nel caso di WD1054-226, compreso almeno un miliardo di anni nel futuro. I pianeti che orbitano intorno alle nane bianche sono difficili da rilevare per gli astronomi perché queste stelle sono molto più deboli delle stelle di sequenza principale (come il Sole). Finora, gli astronomi hanno trovato solo la prima prova di un gigante gassoso (come Giove) che orbita intorno a una nana bianca.

Un’impressione dell’artista della stella nana bianca WD1054-226 orbita intorno a nubi di detriti planetari e un pianeta più grande nella zona abitabile. (Immagine: Mark A. Garlick / markgarlick.com)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

BrandonQMorris
  • BrandonQMorris
  • Brandon Q. Morris è un fisico e uno specialista dello spazio. Si è occupato a lungo di questioni spaziali, sia professionalmente che privatamente, e mentre voleva diventare un astronauta, è dovuto rimanere sulla Terra per una serie di motivi. È particolarmente affascinato dal "what if" e attraverso i suoi libri mira a condividere storie avvincenti di hard science fiction che potrebbero realmente accadere, e un giorno potrebbero accadere. Morris è l'autore di diversi romanzi di fantascienza best-seller, tra cui The Enceladus Series.

    Brandon è un orgoglioso membro della Science Fiction and Fantasy Writers of America e della Mars Society.