Anche mondi molto diversi dalla Terra potrebbero ospitare la vita

Le nostre idee sulle zone abitabili intorno a una stella sono troppo incentrate sulla Terra? Naturalmente. Finora abbiamo trovato un solo esempio di vita nell’universo, quindi tutti traiamo conclusioni da questo. Ma ci sono alternative, come hanno appena riferito i ricercatori dell’Università di Berna e dell’Università di Zurigo in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy. Secondo lo studio, le condizioni favorevoli potrebbero prevalere per miliardi di anni anche su pianeti che assomigliano appena al nostro pianeta natale.

“Uno dei motivi per cui l’acqua può essere liquida sulla Terra è la sua atmosfera”, spiega il coautore dello studio Ravit Helled, professore di astrofisica teorica all’Università di Zurigo e membro del NCCR PlanetS. “Con il suo effetto serra naturale, intrappola la giusta quantità di calore per creare le condizioni giuste per oceani, fiumi e piogge”. Agli albori della Terra, tuttavia, l’atmosfera aveva un aspetto molto diverso. “Quando il pianeta si è formato dal gas e dalla polvere cosmica, ha accumulato un’atmosfera composta principalmente da idrogeno ed elio, la cosiddetta atmosfera primordiale”, ha spiegato Helled. Nel corso della sua evoluzione, tuttavia, la Terra ha perso l’atmosfera originaria.

Altri pianeti più massicci, invece, possono accumulare atmosfere di urati molto più grandi, che in alcuni casi possono mantenere indefinitamente. “Queste massicce atmosfere di urato possono anche causare un effetto serra, simile all’attuale atmosfera terrestre. Volevamo quindi scoprire se queste atmosfere possono contribuire a creare le condizioni necessarie per l’acqua liquida”, spiega Helled. Per farlo, il team ha modellato innumerevoli pianeti e ha simulato il loro sviluppo nell’arco di miliardi di anni. Nel farlo, hanno tenuto conto non solo delle proprietà delle atmosfere planetarie, ma anche dell’intensità delle radiazioni delle rispettive stelle e del calore interno dei pianeti irradiato verso l’esterno. Mentre questo calore geotermico gioca solo un ruolo minore nelle condizioni superficiali sulla Terra, può dare un contributo maggiore sui pianeti con massicce atmosfere primordiali.

“Abbiamo scoperto che in molti casi le atmosfere urate si perdono a causa delle intense radiazioni provenienti dalle stelle, soprattutto sui pianeti che sono vicini alla loro stella. Ma nei casi in cui le atmosfere si sono conservate, possono verificarsi le condizioni giuste per l’acqua liquida”, riferisce Marit Mol Lous, dottoranda e autrice principale dello studio. Nei casi in cui il calore della Terra raggiunga la superficie in misura sufficiente, non sarebbe affatto necessaria la radiazione di una stella come il Sole perché in superficie si creino condizioni tali da consentire l’esistenza di acqua liquida, e per un tempo molto lungo, come è necessario per la comparsa della vita.

“Poiché la presenza di acqua liquida è un probabile prerequisito per la vita e la vita ha probabilmente richiesto molti milioni di anni per evolversi sulla Terra, questo potrebbe ampliare notevolmente l’orizzonte della ricerca di forme di vita extraterrestri. Secondo i nostri risultati, potrebbe anche sorgere sui cosiddetti pianeti liberi che non orbitano intorno a una stella”, afferma Christoph Mordasini, professore di astrofisica teorica all’Università di Berna. Tuttavia, il ricercatore rimane cauto: “I nostri risultati sono entusiasmanti, ma vanno presi con le dovute cautele. Affinché questi pianeti possano avere acqua liquida per lungo tempo, devono avere la giusta quantità di atmosfera. Non sappiamo quanto sia comune. E anche nelle giuste condizioni, non è chiaro quanto sia probabile che la vita si evolva in un potenziale habitat così esotico. Questa è una domanda per gli astrobiologi”.

Presentazione grafica dello studio (nota di copyright nell’immagine)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

BrandonQMorris
  • BrandonQMorris
  • Brandon Q. Morris è un fisico e uno specialista dello spazio. Si è occupato a lungo di questioni spaziali, sia professionalmente che privatamente, e mentre voleva diventare un astronauta, è dovuto rimanere sulla Terra per una serie di motivi. È particolarmente affascinato dal "what if" e attraverso i suoi libri mira a condividere storie avvincenti di hard science fiction che potrebbero realmente accadere, e un giorno potrebbero accadere. Morris è l'autore di diversi romanzi di fantascienza best-seller, tra cui The Enceladus Series.

    Brandon è un orgoglioso membro della Science Fiction and Fantasy Writers of America e della Mars Society.