Cosa sta facendo la NASA tra le nuvole di Venere

Tra nove anni (2031), il nostro caldo pianeta vicino Venere sarà visitato dalla missione DAVINCI della NASA (Deep Atmosphere Venus Investigation of Noble gases, Chemistry, and Imaging). In un documento, gli scienziati e gli ingegneri coinvolti hanno spiegato cosa dovrebbe fare la sonda. Come suggerisce il nome, si occupa principalmente della densa atmosfera del pianeta, nella quale – a differenza della superficie calda – si prevede che le condizioni siano favorevoli anche alla vita. Davinci è quindi principalmente un laboratorio di chimica volante. La missione è composta da un orbiter (CRIS, vettore, relè e veicolo di imaging) e da un lander. L’orbiter ha a bordo due strumenti che esamineranno le nubi del pianeta e mapperanno le zone alte durante i sorvoli di Venere.

Quando il sistema CRIS sarà a circa due giorni di distanza da Venere, il lander si separerà dall’orbiter. Il lander entrerà in contatto con l’atmosfera superiore di Venere a un’altitudine di circa 120 chilometri dalla superficie e poi inizierà le osservazioni scientifiche da circa 67 chilometri di altezza, dopo aver sganciato lo scudo termico di Titano. In questo modo, gli ingressi della sonda raccoglieranno campioni di gas dall’atmosfera per effettuare misurazioni chimiche dettagliate, come è già stato fatto con il rover Curiosity su Marte. Durante la sua discesa di un’ora verso la superficie, la sonda scatterà anche centinaia di immagini mentre emerge da sotto le nuvole a un’altitudine di circa 30 chilometri sopra la superficie locale.

“Questo insieme di dati chimici, ambientali e di discesa dipingerà un quadro dell’atmosfera stratificata di Venere e della sua interazione con la superficie nelle montagne della regione Alpha”, ha dichiarato Jim Garvin, autore principale dell’articolo del Planetary Science Journal e ricercatore principale di DAVINCI del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, Maryland. “Queste misurazioni ci permetteranno di valutare la storia dell’atmosfera e di identificare tipi specifici di rocce sulla superficie, come i graniti, oltre a cercare caratteristiche del paesaggio che potrebbero parlarci dell’erosione o di altri processi”. L’obiettivo è quello di rilevare i paesaggi di Venere su una scala di 100 metri fino a un metro.

“La navicella atterrerà sulle montagne Alpha Regio, ma non avrà bisogno di essere messa in funzione dopo l’atterraggio, poiché tutti i dati scientifici necessari saranno registrati prima di raggiungere la superficie”, spiega Stephanie Getty, vice responsabile della ricerca di Goddard. “Tuttavia, se sopravviviamo all’atterraggio a una velocità di circa 12 metri al secondo, potremmo ancora operare sulla superficie per un massimo di 18 minuti in condizioni ideali”.

“Nessuna missione precedente nell’atmosfera di Venere ha misurato la chimica o l’ambiente in modo così dettagliato come può fare la sonda DAVINCI”, ha detto Garvin. “Inoltre, nessuna missione precedente su Venere è scesa sopra gli altopiani a tessere di Venere, e nessuna ha fotografato la superficie venusiana durante la discesa. DAVINCI si baserà su quanto fatto dalla sonda Huygens su Titano e migliorerà le precedenti missioni in situ su Venere, ma con capacità e sensori del XXI secolo”.

La sonda DAVINCI scende attraverso la densa atmosfera di anidride carbonica di Venere verso le montagne di Alpha Regio. (Immagine: Goddard Space Flight Center della NASA, impressione dell’artista).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

BrandonQMorris
  • BrandonQMorris
  • Brandon Q. Morris è un fisico e uno specialista dello spazio. Si è occupato a lungo di questioni spaziali, sia professionalmente che privatamente, e mentre voleva diventare un astronauta, è dovuto rimanere sulla Terra per una serie di motivi. È particolarmente affascinato dal "what if" e attraverso i suoi libri mira a condividere storie avvincenti di hard science fiction che potrebbero realmente accadere, e un giorno potrebbero accadere. Morris è l'autore di diversi romanzi di fantascienza best-seller, tra cui The Enceladus Series.

    Brandon è un orgoglioso membro della Science Fiction and Fantasy Writers of America e della Mars Society.