Comodo viaggio su Marte per ibernazione?

Immaginate di essere prima nutriti bene per due settimane. Torte, bistecche, tutto quello che ti piace – fino a quando non hai guadagnato almeno dieci chili. Dopo di che, vai a dormire. La tua temperatura corporea si abbassa, e con essa il tuo tasso metabolico basale. Ti assopisci nella tua caverna fresca, circondato da tutti i lati da contenitori d’acqua, come un orso, fino a quando ti sveglierai di nuovo dopo tre mesi. Hai perso il peso in eccesso. Ma hai anche perso quasi tutta la massa muscolare, a differenza di quanto sarebbe successo se fossi stato costretto a stare sdraiato per tre mesi, perché l’ibernazione conserva i muscoli. Ora, altre tre settimane di riabilitazione per compensare le piccole perdite, e sarai in forma per la tua missione di ricerca su Marte.

Ecco come potrebbe andare un volo su Marte in futuro, se le idee dei ricercatori dell’ESA che presentano il processo in un articolo tecnico hanno la loro strada. Ma non si tratta solo di un viaggio confortevole. Ridurre il metabolismo di un equipaggio sulla strada per Marte a un quarto del normale ridurrebbe significativamente la quantità di forniture da trasportare e la dimensione dello spazio vitale. Ma ridurrebbe anche lo stress dell’equipaggio. “Dove c’è vita, c’è stress”, spiega Jennifer Ngo-Anh, coordinatrice della ricerca ESA e del carico utile per l’esplorazione umana e robotica e uno degli autori del documento. “La strategia minimizzerebbe la noia, la solitudine e l’aggressività associate al confinamento in un veicolo spaziale”.

 

Ma l’idea non è il criosonno, che è più comune nella fantascienza, dove tutte le cellule del corpo sono congelate allo stesso tempo. Se una cosa del genere possa mai essere implementata è discutibile. Tuttavia, l’ibernazione a cui si riferiscono i ricercatori è attuata con successo dalla natura in numerose specie, compresi i mammiferi. Si basa su una riduzione del metabolismo indotta dal freddo. Gli orsi sembrano essere il miglior modello per l’ibernazione umana nello spazio. Hanno una massa corporea simile alla nostra e abbassano la loro temperatura corporea solo di pochi gradi – un limite che è considerato sicuro per gli esseri umani. Come gli orsi, gli astronauti dovrebbero mettere su del grasso corporeo extra prima di andare in ibernazione. Durante l’ibernazione, gli orsi trascorrono sei mesi di digiuno e immobili nelle loro tane. Eppure rimangono in forma. “La ricerca mostra che gli orsi lasciano le loro tane sane in primavera e perdono solo una piccola quantità di massa muscolare. Ci vogliono solo circa 20 giorni per tornare ai livelli normali. Da questo impariamo che l’ibernazione previene la perdita di muscoli e ossa e protegge dai danni ai tessuti”, spiega Alexander Choukér, professore di medicina all’Università Ludwig Maximilian di Monaco.

Nei mammiferi, bassi livelli di testosterone sembrano favorire l’ibernazione prolungata, mentre gli estrogeni regolano fortemente il metabolismo energetico nell’uomo. “L’equilibrio molto specifico e diverso degli ormoni nelle donne e negli uomini e il loro ruolo nella regolazione del metabolismo suggeriscono che le donne potrebbero essere candidati preferiti”, dice Choukér. Gli astronauti passerebbero il viaggio su Marte in una capsula morbida, con poca luce, temperature fresche sotto i dieci gradi Celsius e alta umidità. Si muoverebbero molto poco, ma non sarebbero legati. I sensori dovrebbero misurare la postura, la temperatura e la frequenza cardiaca, e se ci fossero problemi medici, il membro dell’equipaggio verrebbe svegliato. E perché i serbatoi d’acqua? Proteggono i viaggiatori che dormono dalle radiazioni cosmiche.

Purtroppo, questa tecnologia non è adatta ai viaggi interstellari. Dopo tutto, il metabolismo continua a funzionare, e gli esseri umani invecchiano anche in ibernazione.

Come l’ESA immagina il volo verso Marte (Immagine: ESA)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

BrandonQMorris
  • BrandonQMorris
  • Brandon Q. Morris è un fisico e uno specialista dello spazio. Si è occupato a lungo di questioni spaziali, sia professionalmente che privatamente, e mentre voleva diventare un astronauta, è dovuto rimanere sulla Terra per una serie di motivi. È particolarmente affascinato dal "what if" e attraverso i suoi libri mira a condividere storie avvincenti di hard science fiction che potrebbero realmente accadere, e un giorno potrebbero accadere. Morris è l'autore di diversi romanzi di fantascienza best-seller, tra cui The Enceladus Series.

    Brandon è un orgoglioso membro della Science Fiction and Fantasy Writers of America e della Mars Society.