Buchi neri in rotta di collisione

Avete già qualcosa in programma per l’anno 250.002.000? Allora prenditi una sera libera e guarda con il tuo futuro occhio super telescopico la zona intorno alla galassia NGC 7727 nella costellazione dell’Acquario. Lì, due buchi neri super pesanti si stanno scontrando tra loro. Oggi sono ancora distanti 1600 anni luce, ma sono la coppia di buchi neri più vicina osservata finora.

Gli astronomi li hanno trovati con l’aiuto del VLT dell’European Southern Observatory. “È la prima volta che abbiamo trovato due buchi neri supermassicci così vicini, meno della metà della distanza del precedente detentore del record”, ha detto Karina Voggel, astronoma dell’Osservatorio di Strasburgo in Francia e autore principale dello studio, pubblicato su Astronomy & Astrophysics. “La distanza ravvicinata e la velocità dei due buchi neri suggeriscono che si fonderanno in un buco mostruoso”, aggiunge il coautore Holger Baumgardt, professore all’Università del Queensland, in Australia.

Voggel e il suo team sono stati in grado di determinare le masse dei due oggetti studiando come l’attrazione gravitazionale dei buchi neri influenza il movimento delle stelle intorno a loro. Il buco nero più grande, situato proprio all’interno del nucleo di NGC 7727, ha una massa quasi 154 milioni di volte quella del Sole, mentre il suo compagno ha una massa di 6,3 milioni di masse solari. Questa è la prima volta che le masse di una coppia di buchi supermassicci sono state misurate in questo modo. Il risultato è stato reso possibile dalla vicinanza del sistema alla Terra (da cui dista solo 89 milioni di anni luce) e dalle osservazioni dettagliate che il team ha fatto presso l’Osservatorio Paranal in Cile utilizzando il Multi-Unit Spectroscopic Explorer (MUSE) del VLT dell’ESO.

Gli astronomi sospettavano già che la galassia ospitasse i due buchi neri, ma non sono stati in grado di confermare la loro presenza a causa della mancanza di grandi quantità di radiazioni ad alta energia provenienti dalle loro immediate vicinanze, che altrimenti li avrebbero rivelati. “La nostra scoperta suggerisce che ci possono essere molte altre reliquie di fusioni di galassie, e che possono contenere molti buchi neri massicci nascosti che aspettano ancora di essere trovati”, dice Voggel. “Questo potrebbe aumentare il numero totale di buchi neri supermassicci conosciuti nell’universo locale del 30%”.

Vista ravvicinata dei due nuclei galattici luminosi, ognuno dei quali ospita un buco nero supermassiccio, in NGC 7727 (Immagine: ESO/Voggel et al.)
Situata a 89 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Acquario, NGC 7727 si crede sia il risultato di uno scontro tra due galassie avvenuto circa un miliardo di anni fa. Le conseguenze di questo tremendo urto cosmico sono ancora evidenti nella particolare forma irregolare di NGC 7727 e nei flussi di stelle nelle sue regioni esterne. (Immagine: ESO / VST ATLAS team. Riconoscimenti: Durham University / CASU / WFAU)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

BrandonQMorris
  • BrandonQMorris
  • Brandon Q. Morris è un fisico e uno specialista dello spazio. Si è occupato a lungo di questioni spaziali, sia professionalmente che privatamente, e mentre voleva diventare un astronauta, è dovuto rimanere sulla Terra per una serie di motivi. È particolarmente affascinato dal "what if" e attraverso i suoi libri mira a condividere storie avvincenti di hard science fiction che potrebbero realmente accadere, e un giorno potrebbero accadere. Morris è l'autore di diversi romanzi di fantascienza best-seller, tra cui The Enceladus Series.

    Brandon è un orgoglioso membro della Science Fiction and Fantasy Writers of America e della Mars Society.