Pianeti con un guscio d’uovo

Apri la porta della camera di equilibrio. Il tuo primo passo sulla superficie di un nuovo pianeta! Fa caldo, ma la tua tuta spaziale ti protegge. Un sottile strato di nuvole nasconde il sole. Ma c’è qualcosa che non va. Scendi la scala. Cosa c’è? Giri intorno al tuo asse. Ovunque guardi, l’orizzonte è alla stessa distanza. Questo pianeta non ha alcuna elevazione. È come se vi trovaste all’esterno di un guscio d’uovo.

Probabilmente tali pianeti esistono davvero. I “pianeti guscio d’uovo”, come dimostra un recente studio, sono da aspettarsi in un sistema solare in determinate circostanze. E poiché il nostro universo è così grande, quelle circostanze quasi certamente esistono da qualche parte là fuori. Potrebbero anche esistere tra gli oltre 4000 esopianeti già scoperti.

I pianeti hanno certe proprietà, come le loro dimensioni, la loro temperatura interna e i materiali di cui sono fatti. Altre proprietà dipendono più dall’ambiente del pianeta, come la sua distanza dal Sole.  “Sappiamo da lavori pubblicati che ci sono esopianeti dove le condizioni sono più estreme che nel nostro sistema solare. Possono essere più vicini alla loro stella, o possono essere molto più grandi o avere superfici più calde dei pianeti che vediamo nel nostro sistema”, ha detto lo scienziato planetario Paul Byrne della Washington University di St. Lui e i suoi collaboratori volevano determinare quali parametri planetari e stellari giocano il ruolo più importante nel determinare lo spessore dello strato esterno fragile di un pianeta, chiamato litosfera.

Questo spessore aiuta a determinare se un pianeta può sostenere un’alta topografia come le montagne, per esempio, o se ha il giusto equilibrio di rigidità e flessibilità per permettere a una parte della superficie di affondare o subdurre sotto un’altra – il segno distintivo della tettonica a placche. Questo processo aiuta la Terra a regolare la sua temperatura nel corso del tempo geologico ed è la ragione per cui la tettonica a placche è considerata una componente importante dell’abitabilità di un pianeta. Pertanto, un pianeta a guscio d’uovo è più probabile che non sia abitabile. Se l’avessi saputo prima, forse non avresti iniziato il tuo lungo viaggio verso questo pianeta.

Impressione d’artista di un pianeta guscio d’uovo (Immagine: NASA)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

BrandonQMorris
  • BrandonQMorris
  • Brandon Q. Morris è un fisico e uno specialista dello spazio. Si è occupato a lungo di questioni spaziali, sia professionalmente che privatamente, e mentre voleva diventare un astronauta, è dovuto rimanere sulla Terra per una serie di motivi. È particolarmente affascinato dal "what if" e attraverso i suoi libri mira a condividere storie avvincenti di hard science fiction che potrebbero realmente accadere, e un giorno potrebbero accadere. Morris è l'autore di diversi romanzi di fantascienza best-seller, tra cui The Enceladus Series.

    Brandon è un orgoglioso membro della Science Fiction and Fantasy Writers of America e della Mars Society.