La Terra ha un nuovo compagno – e perché questo è eccitante

Non preoccupatevi: questa storia non riguarda di nuovo l’imminente distruzione della Terra. Al contrario: asteroidi come 2020 XL5, scoperto nel 2020, sono eccitanti perché potrebbero fornire intuizioni sul primo passato della Terra. 2020 XL5 è un cosiddetto Trojan, come gli astronomi confermano ora nella rivista scientifica Nature (l’ipotesi esisteva già prima): Un asteroide che accompagna la Terra nella sua orbita.

Se si considera solo il sistema dal sole e dal pianeta, ci sono diversi punti in cui le forze attrattive del pianeta e del sole si annullano a vicenda. Questi sono i cosiddetti punti di Lagrange. Gli oggetti che risiedono lì possono orbitare intorno al corpo principale (il Sole) senza propulsione e quindi in un’orbita relativamente stabile. Il telescopio James Webb ha appena raggiunto il punto di Lagrange L2 dietro la Terra. Altri punti di Lagrange, L4 e L5, sono nell’orbita del pianeta, 60 gradi avanti e dietro di esso, rispettivamente, e 2020 XL5 sta rimanendo approssimativamente a L4. Quindi l’asteroide sta correndo davanti alla Terra.

In realtà, però, il sistema solare è composto da più del sole e di un pianeta. Nel caso di Giove, che ha un grande seguito di Troiani, sembra ancora abbastanza buono per loro perché Giove è così enorme e i terzi pianeti inquietanti sono lontani. Nell’orbita terrestre, invece, Venere e Marte sono costantemente d’intralcio. Le orbite dei troiani terrestri sono quindi stabili solo per un po’. 2020 XL5 cosa ci ha visitato in qualche momento del 15° secolo e rimarrà per circa 4000 anni. L’unico altro troiano terrestre conosciuto è 2010 TK7, che potrebbe rimanere con noi per altri 10.000 anni. Attualmente si muove anch’esso vicino a L4, ma sembra essere “saltato” da L5 intorno all’anno 500.

Quindi entrambi gli asteroidi non si sono formati insieme alla Terra, ma sono stati probabilmente buttati fuori dalla fascia principale da Giove. Ciò che interesserebbe davvero ai ricercatori ora sarebbero i cosiddetti troiani terrestri primordiali. Questi sono asteroidi che si sono formati insieme alla Terra. La loro indagine potrebbe rivelare molto sui primi tempi del nostro pianeta. Non si sa se esistano o meno. Non è escluso. Tuttavia, la loro osservazione è difficile a causa della geometria di osservazione: sono vicini al sole e quindi possono essere visti solo appena sopra l’orizzonte.

L’orbita di 2020 XL5, rispetto al Sole. L’orbita è abbastanza inclinata rispetto all’eclittica. Ad un certo punto, Venere attrarrà il nostro asteroide più di quanto possa desiderare.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

BrandonQMorris
  • BrandonQMorris
  • Brandon Q. Morris è un fisico e uno specialista dello spazio. Si è occupato a lungo di questioni spaziali, sia professionalmente che privatamente, e mentre voleva diventare un astronauta, è dovuto rimanere sulla Terra per una serie di motivi. È particolarmente affascinato dal "what if" e attraverso i suoi libri mira a condividere storie avvincenti di hard science fiction che potrebbero realmente accadere, e un giorno potrebbero accadere. Morris è l'autore di diversi romanzi di fantascienza best-seller, tra cui The Enceladus Series.

    Brandon è un orgoglioso membro della Science Fiction and Fantasy Writers of America e della Mars Society.