La luna di Giove Europa potrebbe avere acqua vicino alla superficie

La luna di Giove Europa, come la luna di Saturno Encelado, è un obiettivo importante per la ricerca di vita extraterrestre. Che un oceano liquido e salato esista sotto la sua crosta di ghiaccio sembra chiaro dalle visite di Voyager e Galileo. Ma per esplorare questa massa d’acqua, i visitatori devono prima perforare almeno 20-30 chilometri di ghiaccio. O forse no? Almeno questo è quello che suggerisce un nuovo studio basato sui dati dello strato di ghiaccio della Groenlandia, pubblicato su Nature Communications. I risultati potrebbero fornire intuizioni sui processi geofisici che hanno portato alla formazione della luna di Giove.

Riley Culberg, uno studente di dottorato in ingegneria elettrica a Stanford, e colleghi hanno studiato una forma di superficie chiamata doppia cresta. Queste sono elevazioni quasi simmetriche alte circa 300 metri, con una valle poco profonda larga circa 800 metri tra di loro. Possono essere lunghe centinaia di chilometri e si verificano in ogni settore dell’Europa. Gli autori hanno identificato una doppia cresta simile nello strato di ghiaccio nella Groenlandia nord-occidentale con la stessa geometria di quella di Europa. Per esplorare la formazione della dorsale in Groenlandia, hanno usato dati di elevazione e di sondaggio radar e suggeriscono che si è formata da una sequenza di ricongelamento, accumulo di pressione e rottura di un davanzale di acqua bassa all’interno dello strato di ghiaccio. Gli autori suggeriscono che se questo processo è anche responsabile della formazione delle doppie creste su Europa, questo potrebbe indicare la presenza di acqua liquida nel guscio ghiacciato della luna.

“Poiché questi depositi di acqua liquida sono più vicini alla superficie, dove entrano in contatto con sostanze chimiche interessanti provenienti dallo spazio, da altre lune e dai vulcani di Io, c’è la possibilità che la vita abbia una possibilità ancora migliore”, ha detto l’autore principale dello studio, Dustin Schroeder, professore associato di geofisica alla Stanford University’s School of Earth, Energy & Environmental Sciences. “Se il meccanismo che stiamo vedendo in Groenlandia sta giocando anche in Europa, questo suggerisce che ci sono sacche di acqua come questa in tutta la luna”.

“I ricercatori hanno studiato queste doppie creste per più di 20 anni, ma questa è la prima volta che abbiamo osservato qualcosa di simile sulla Terra e visto la natura fare la sua magia”, ha detto il co-autore dello studio Gregor Steinbrügge, uno scienziato planetario presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. Con gli strumenti giusti, le sonde potrebbero ora cercare attivamente tali sacche d’acqua e rilevarle rapidamente. Se i ricercatori hanno ragione, come ammettono, “Siamo solo un’altra ipotesi tra tante altre – abbiamo solo il vantaggio che la nostra ipotesi è supportata dalle osservazioni della formazione di una caratteristica simile sulla Terra”, ha detto Culberg.

A sinistra, le strutture di superficie di Europa; a destra, la Groenlandia (Immagine: Nature).
Questo rendering dell’artista mostra come le doppie creste potrebbero formarsi sulla superficie della luna di Giove Europa su sacche di acqua poco profonde e ricongelate all’interno del guscio di ghiaccio. Questo meccanismo è basato su uno studio di un’analoga struttura doppia trovata sulla calotta glaciale della Groenlandia sulla Terra. (Immagine: Justice Blaine Wainwright)

A sinistra, le strutture di superficie di Europa; a destra, la Groenlandia (Immagine: Nature).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

BrandonQMorris
  • BrandonQMorris
  • Brandon Q. Morris è un fisico e uno specialista dello spazio. Si è occupato a lungo di questioni spaziali, sia professionalmente che privatamente, e mentre voleva diventare un astronauta, è dovuto rimanere sulla Terra per una serie di motivi. È particolarmente affascinato dal "what if" e attraverso i suoi libri mira a condividere storie avvincenti di hard science fiction che potrebbero realmente accadere, e un giorno potrebbero accadere. Morris è l'autore di diversi romanzi di fantascienza best-seller, tra cui The Enceladus Series.

    Brandon è un orgoglioso membro della Science Fiction and Fantasy Writers of America e della Mars Society.