Quanto pesano le stelle?

R136a1 è attualmente la stella più pesante conosciuta. Pesa quanto 265 soli. La maggior parte delle stelle, tuttavia, è molto più piccola e leggera, fino a circa un decimo della massa del Sole. I corpi celesti che hanno accumulato troppo poco gas non possono innescare la fusione nucleare e rimangono nane brune. Le supergiganti come R136a1, invece, brillano intensamente ma muoiono giovani. Quanto pesano in media le stelle dell’universo? Questo è descritto dalla cosiddetta funzione di massa primordiale. Dice che le stelle pesanti sono significativamente più rare di quelle leggere. È quindi probabile che l’universo sia dominato da pesi leggeri. Questo è importante per comprendere, ad esempio, lo sviluppo delle galassie.

Tuttavia, la funzione di massa originale è stata stabilita principalmente sulla base di misure effettuate nel nostro ambiente cosmico. Le stelle in altre galassie possono essere osservate solo quando sono particolarmente luminose, quindi in questo caso ci sarebbe una discrepanza. L’ipotesi è quindi che la Via Lattea non sia una galassia così speciale e che le condizioni qui presenti possano quindi essere facilmente applicate all’intero universo. Ma gli astronomi sembrano essersi sbagliati finora, secondo un nuovo studio pubblicato su The Astrophysical Journal da un team di ricercatori del Niels Bohr Institute dell’Università di Copenhagen.

Utilizzando le osservazioni di 140.000 galassie in tutto l’universo e un’ampia gamma di modelli avanzati, il team ha verificato se la stessa distribuzione di stelle vista nella Via Lattea sia valida anche altrove. La risposta è no. Le stelle delle galassie lontane tendono a essere più massicce di quelle del nostro vicinato. “La massa delle stelle dice molto a noi astronomi. Se si cambia la massa, cambia il numero di supernove e di buchi neri che si formano dalle stelle massicce. Il nostro risultato significa che dobbiamo rivedere molte delle nostre precedenti ipotesi, perché le galassie lontane appaiono molto diverse dalle nostre”, afferma Albert Sneppen, dottorando presso il Niels Bohr Institute e autore principale dello studio.

Secondo i ricercatori, la nuova scoperta avrà diverse implicazioni. Ad esempio, non è ancora chiaro perché le galassie muoiano e smettano di formare nuove stelle. La nuova scoperta suggerisce che ciò potrebbe essere spiegato da una semplice tendenza. “Ora che siamo in grado di decifrare meglio la massa delle stelle, possiamo vedere un nuovo schema: Le galassie meno massicce continuano a formare stelle, mentre quelle più massicce smettono di far nascere nuove stelle. Questo indica una tendenza straordinariamente universale nella morte delle galassie”, spiega Sneppen.

Impressione d’artista di R136a1 (Immagine: Sephirohq, CC-BY 3.0)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

BrandonQMorris
  • BrandonQMorris
  • Brandon Q. Morris è un fisico e uno specialista dello spazio. Si è occupato a lungo di questioni spaziali, sia professionalmente che privatamente, e mentre voleva diventare un astronauta, è dovuto rimanere sulla Terra per una serie di motivi. È particolarmente affascinato dal "what if" e attraverso i suoi libri mira a condividere storie avvincenti di hard science fiction che potrebbero realmente accadere, e un giorno potrebbero accadere. Morris è l'autore di diversi romanzi di fantascienza best-seller, tra cui The Enceladus Series.

    Brandon è un orgoglioso membro della Science Fiction and Fantasy Writers of America e della Mars Society.